Come mai Peppa Pig piace ai bambini?

Come mai Peppa Pig piace ai bambini

Senza offesa per il caro Phil Davies, ma, nonostante lo sguardo tinto di maternità - capace di far diventare piacevoli cose che ai più risultano insopportabili - il successo di Peppa Pig non mi ha reso più simpatico questo cartone per piccoli e piccolissimi. Eppure bisogna dargliene atto: ai bambini piace da morire.

Sin dalla sua uscita nel 2008, gli episodi di questa serie inglese hanno avuto un grande successo, soprattutto in Inghilterra, Francia e Italia.
Cerchiamo insieme di analizzarne i motivi.

1. Colori pastello e atmosfera idilliaca

Peppa Pig vive in un mondo fatto di colline verdi e prati in fiore, dai colori gradevoli e dai contorni spessi. Il cielo è sempre azzurro, gli alberi sempre verdi, tutto è ideale. Un po’ come nella trama degli episodi, gli imprevisti, anche nel tratto, sono pochi e gestibili. I disegni sono semplici, quasi elementari, e ricordano molto le opere dei bambini stessi, quando cercano di rappresentare la propria vita su carta. Forse proprio per questo, si ha l’impressione che questo cartone “parli” il linguaggio dei bambini.

2. La cupezza non esiste

Se pensiamo alle classiche fiabe dei fratelli Grimm o Andersen, è facile ricordare elementi alquanto spaventosi e spesso truculenti, presenti in tutte le storie: Cappuccetto Rosso e la nonna mangiata dal lupo, Hansel e Gretel e la strega arsa viva nel forno... Al di là del fatto che possano essere declinati in esempi più o meno educativi, i momenti di cupezza nelle storie racchiudono una funzione importante: quella di far affrontare ai bambini emozioni difficili da esprimere nel mondo reale, come la paura e la rabbia, e quella di sdoganare temi drammatici che fanno parte della vita, in modo simbolico e più tollerabile (es. la morte).
Pensiamo ora alla nostra famiglia di maiali antropomorfi: qual è la cosa più drammatica che può accadere in un episodio? Solitamente una macchina sporca di fango, o un giocattolo scomparso. Le antiche fiabe sfidano la tolleranza dei bambini a temi “pesanti”. Oggi, forse, la tendenza si è invertita: Peppa Pig non si imbatte mai in vere difficoltà, ma solo in piccoli pasticci. Questa scelta rende il cartone più digeribile per i piccoli ed ha il vantaggio di non richiedere mai consolazione da parte del genitore. In una parola, è rassicurante. Ai posteri l’ardua sentenza: minimizzare le difficoltà turba meno i bambini, o è diseducativo, poiché non prepara alla “vita vera”?

3. Episodi brevi, semplici e tollerabili

Oltre ad essere particolarmente gaudenti, le vicende di Peppa Pig rispettano un criterio fondamentale per i bambini piccoli: sono semplici da comprendere. La voce narrante spiega le vicende punto per punto, e, per evitare equivoci, anche i personaggi sono piuttosto didascalici nelle loro conversazioni. Questo permette ai bambini che ancora non padroneggiano il linguaggio di comprendere nuove parole e termini, e al tempo stesso di non sentirsi frustrati perché non hanno capito qualcosa. Tutti gli accadimenti sono piuttosto prevedibili (e questa caratteristica piace molto ai bambini), in quanto anticipati da sigle specifiche (es. c’è una musichetta per i momenti di imprevisto).
La capacità di attenzione nell’infanzia, inoltre, è piuttosto limitata: per questo, i singoli episodi e le loro storie si risolvono nel giro di pochi minuti.

La forza di Peppa Pig potrebbe, in conclusione, essere la capacità di entrare in connessione con il modo di pensare e percepire dei piccoli tramite storie plausibili (se escludiamo il fatto che i maiali parlino e guidino macchine). Il cartone parla il linguaggio dei bambini, poiché semplice, riuscendo a “farsi capire” e ad appassionare, offrendo una porzione di mondo tranquillo e idilliaco, dove le risate sono all’ordine del giorno. Proprio per via di questa realtà edulcorata, forse, Peppa Pig risulta antipatico alla maggior parte degli adulti.

The International Psychology Clinic

The International Psychology Clinic

Offriamo Consulenza Psicologica e Psicoterapia per Bambini e Famiglie presso le nostre sedi in Italia e a Londra. Consulta tutte le nostre cliniche comodamente online sulla pagina delle sedi.

Torna su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: