5 Segreti per Mantenere le proprie Abitudini Alimentari all’Estero

5 Segreti per Adattare le proprie Abitudini Alimentari all'Estero

La cucina è uno degli aspetti principali che caratterizzano il background culturale. Il cibo e la cucina rappresentano non solo le origini culturali e nazionali di un individuo, ma anche il legame con la sua storia personale e famigliare. Cucinare consente di affermare e vivere la propria identità e i momenti dei pasti possono avere un’importante dimensione sociale di condivisione del cibo con le persone più care.

Chi si trasferisce in un paese straniero spesso vede completamente stravolte le proprie abitudine alimentari, a causa di diversità nella gestione del tempo e degli orari, di usanze differenti, di mancanza di ingredienti “tradizionali”. Il momento del pasto può diventare così fonte di frustrazione, alimentando il disagio per la lontananza dal proprio paese. Ecco come si può mantenere vive le proprie tradizioni anche in cucina.

1. Prendersi del tempo per scegliere gli ingredienti

Se si vuole recuperare la propria italianità in cucina, si dovrà spendere un po’ di tempo per cercare gli ingredienti più adatti. Spesso non è facile reperire i prodotti che tipicamente abbondano sulla tavola italiana, per questo può essere utile, inizialmente, cercare i negozi più adatti e riforniti, che diventeranno poi una tappa abituale.

2. Imparare a cucinare

Vivere lontani dalla propria famiglia può essere la giusta occasione per imparare a cucinare. Ciò non solo garantirà benefici alla propria salute (cucinando da sé i pasti è possibile controllare e dosare la quantità di sale, condimenti, grassi..) ma aiuterà anche a mitigare la nostalgia per la lontananza dal propria paese d’origine.

3. Non cedere alla tentazione del take-away

Cucinare è un’arte che richiede tempo e impegno: per riproporre i piatti della propria tradizione non serve essere cuochi stellati , ma è necessario ritagliarsi un po’ di tempo da dedicare ogni giorno alla preparazione dei pasti. Inizialmente può essere utile cimentarsi in piatti semplici, veloci da preparare e che richiedono ingredienti facili da reperire.

4. Unire le nuove e le vecchie tradizioni

Integrarsi in un nuovo contesto di vita significa anche imparare a conoscere le usanze e le abitudini di quel posto. Scoprire la cucina straniera può essere utile, magari sperimentando in prima persona la preparazione dei pasti. I piatti più graditi potranno poi entrare a far parte del proprio menù, come sintesi tra la cucina di origine e la nuova cucina.

5. Condividere il pasto con gli altri

Uno modo per valorizzare le proprie tradizioni in cucina è invitare gli amici a degustare i piatti tipici italiani, magari chiedendo loro, in cambio, di contribuire al pasto con uno dei loro piatti preferiti, in uno scambio reciproco in cui convivialità ed integrazione passano attraverso la buona cucina.

Torna su
Open chat
Reach us on WhatsApp!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: